LA PAROLACCIA
La parolaccia nun è ‘na parola sporca. Certo po dà fastidio alle orecchie de quarcuno e se po pure offennere; i benpensati pe capicce, quelli che er culo lo chiamano lapartebassaascennere. Manco fosse giusto privallo de ‘sto gusto. Nun v’offennete che nun c’è niente de male a chiamalla un po’ vorgare la cotale. Er peccato sta nell’occhio di chi guarda e nun s’attarda a fa la guerra come il tale, Daniele da Volterra; che come sapemo coprì cardinalizio pure er giorno der giudizio. (E nun pe niente er Braghettone ce passò da gran cojone a vestire di budella michelangiola cappella.) Pensatece poi ar poeta, che quella cosa la chiamava vaschetta, fodero, vaccina, potta e passerina: chi semo noartri pe’ chiamalla la cosina? Nun è meglio pigliauccelli in onore ar sommo Belli?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...