Il potere non agisce dall’esterno sulle strutture della società limitandosi a evocare il proprio discorso e ad esercitarsi nei parlamenti o nei tribunali o ancora imponendo dall’alto un’ideologia; il potere-discorso non è sopra la società, ma dentro, produce le strutture che partecipano alle istituzioni (famiglia, lavoro, scuola, consultori), contorna il campo, definisce i ruoli circoscrivendo il perimetro dell’azione. Definire è rinchiudere, limitare, circoscrivere il pensiero all’interno di una catena di ragionamenti. Il potere non è una sovrastruttura che opera sugli elementi sociali da fuori; le relazioni di potere coesistono con le relazioni sociali, sessuali, economiche e hanno un ruolo attivo, conformante. Lo stesso rapporto di potere tra donne e uomini non deve essere interpretato come un asservimento della donna all’uomo, ma come l’azione del potere nell’organizzare i ruoli sessuali e sociali. Si comporta come certe categorie mentali che presiedono dando una forma alla intelligibilità della cosa. Il potere è articolato e tende a sedimentare; Foucault scrive che gli elementi del corpo sociale sono contemporaneamente coinvolti da più relazioni di potere. Tesi suggestiva e non lontana dal vero, se consideriamo la sovrabbondanza dei discorsi sul sesso. La morale borghese e quella cristiana da cui si è originata si delineano come morale della negazione e rimozione della sessualità, che è invece presente in ogni vivente. L’esasperazione è già una forma di detonazione. È con l’istituzione della confessione che ha inizio una fase di incremento di discorsi sulla sessualità con il compito di produrre una verità. Dal Concilio di Trento in avanti sapere e potere insieme rivelano la loro intenzione, che è quella di operare nei diversi campi della scienza una verità assoluta sul sesso, la quale diventa lo strumento principale su cui il potere definisce le strategie di controllo. La sessualità viene analizzata e spiegata in maniera riduttiva, trasformandosi in un dispositivo del potere, adattata alla strategia di oppressione sociale. Si tratta di un potere che specifica la propria autorità nelle istituzioni: la famiglia e l’educazione; la psichiatria, sessuologia, sociologia, pedagogia, che dall’infanzia passano all’individuo un’idea di normalità approvata socialmente e dunque giusta, a cui contrappongono quella di anormalità come qualcosa che appartiene alla follia. Normalità e giustizia vengono amministrate in maniera sinonimica dai diversi apparati dello stato, potere psichiatrico e potere giudiziario, alla cui origine si suppone una sola e identica verità fondante. È all’interno dell’identità sapere-potere che si legittima l’azione della repressione sociale sulla base del concetto di anormalità, istituendo le espressioni della sessualità come problemi che riguardano la morale, la comunità, la politica e l’economia. Ogni comportamento viene ricondotto alla sessualità e sottoposto al controllo dell’autorità legittimandone l’intervento e spesso l’abuso: contraccezione, controllo delle nascite, pratiche sessuali avulse dal contesto morale diventano materia della psichiatria e della sessuologia. La follia si pone come il luogo sociale nel quale collocare i soggetti considerati anormali, discriminati sulla base di comportamenti ritenuti indebiti. Non a caso è nell’Ottocento che vengono istituiti i manicomi e si sviluppa la psichiatria. La demarcazione tra razionale e irrazionale, normale e anormale, a cui si aggiunge la volontà di dare luogo a un discorso sul soggetto, ha istituito il legame tra potere disciplinare e sapere istituzionale. Il corpo diventa un oggetto di analisi e può essere manipolato; la scienza crea una frattura tra soggetto e corpo, che viene così oggettivato dal potere stesso. La dicotomia come si vede ricalca quella tra anima e corpo, dove l’etica dell’anima storicamente è servita a limitare il campo di azione del corpo; entrando nell’aspetto legislativo e dando luogo a una politica ideale piuttosto che reale, metafisica prima ancora che della natura o delle cose. Non può esserci azione politica se non riferita al corpo, l’anima e la teleologia esulano dalla giurisprudenza dello stato; ed è per questo che il potere promuove una condotta alta e idealistica dando alle istituzioni il compito di promuovere uno stato nascostamente etico. Lo abbiamo visto anche di recente sugli omosessuali e la legalizzazione delle unioni civili; le resistenze argomentative su cui hanno ricamato i detrattori avevano un carattere palesemente teologico. A cominciare dalla nozione di natura e contronatura, dimenticando che non diversamente dagli altri contenuti del pensiero anche la natura è un concetto e dunque qualcosa di culturale e non ontologico; in quanto tale sottoponibile alle leggi che ne regolano le funzioni, perfettibile come tutti i ragionamenti che tendono alla verità senza rivendicare il diritto di rappresentarla. Per questo Foucault parla di bio-potere, indicando col neologismo l’esercizio di controllo sul corpo e dal corpo sulla comunità, sentenziando le dinamiche sociali dell’individuo come ciò che consegue ai dispositivi in cui è immerso.

Da Gli italiani il sesso (la rivoluzione) lo fanno poco e male

a20-1-1

Annunci

Un pensiero su “FOUCAULT E IL DISCORSO-POTERE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...