RAZZISMO E FRENASTENIA

Hanno sdoganato tutto in Italia, legittimando il peggio. Ora è il turno della frenastenia e del razzismo. Ma anche della grammatica e della sintassi imbarazzante; perché #Salvini e i fan è così che si esprimono, o meglio ruttano tra una gutturale e l’altra. Nei social come altrove.

Il termine ricorrente è invasione, negro (con la g), rom; segue extracomunitario, meridionale storpiato in merdanale, in leggera flessione Roma ladrona. Una ragione c’è, non si sputa nel piatto nel quale si mangia. Ricorrono i neologismi: sinistrato, cattocomunista (il più delle volte con la k), sinistronzo, sinistrotto, piddino, renzino. L’uso del neologismo ha una funzione particolare, tende a circoscrivere l’individuo in un gruppo e il gruppo in un luogo comune con una lingua incomprensibile fuori dal recinto. Lo stesso accade con le degenerazioni neuronali o psicotiche. Perché di quello si tratta, le mandrie si uniscono attorno al capobranco che promette ordine e qualche benevolenza. La parola ordine ha una natura apotropaica e curativa quando l’Io perde le sue funzioni. Le parolacce la fanno da padrone: caxxo (con la x), rottinculo, checca, negrodimerda, terrone qualche volta. La grammatica latita, ma si tratta di gente laboriosa, non di intellettuali che hanno tempo da perdere con i dettagli. I concetti sono ridotti al minimo: gravitano attorno a poche idee, confuse neanche tanto; la prima attorno alla quale ruotano le altre è la paura per l’uomo nero che ti tiene un anno intero (come nella filastrocca). La medicina che gli accoliti propongono è il rimpatrio, la galera, la frusta a volte per gli indesiderati. La dinamica della discussione è pressoché la stessa: il mentore scalda gli animi con una domanda retorica e l’esercito infuriato parte in battaglia. Non c’è posto per la discussione, la regola è che a casa nostra facciamo come ci pare e se non vi sta bene fora di ball. Il Capitano commenta poco e quando compare sembra un bulletto di periferia che si mette alla guida fomentando la massa inferocita. Non stempera le animosità, istiga piuttosto con un’ironia che a lui sembra sottile, ma che non va al di là della volgarità di certi film anni ’70; la mandria fa muro e tutti insieme si riuniscono a mangiare polenta e osei. I luoghi comuni la fanno da padrone; un luogo comune è un pensiero che fa riferimento a un’abitudine culturale maturata nel sentire popolare. La realtà è un’altra cosa, ma quando c’è un limite cognitivo la comprensione viene filtrata da un’idea tanto diffusa da sembrare verosimile. La verosimiglianza è però lontana dalla verità, come la demagogia e la retorica dalla politica. Non si tratta solo di una disfunzione semantica indotta dalla mancata padronanza del vocabolario, ma di una profonda degenerazione neuroantropologica. Si sente nell’assenza del senso delle parole e appunto nel prevalere dei luoghi comuni. E vengo al punto: la demenza neurolinguistica è caratterizzata dalla perdita del significato e dal deterioramento cognitivo; è una manifestazione clinica della degradazione lobare frontotemporale, associata all’atrofia del giro temporale inferiore e medio.

Le persone affette presentano problemi nella denominazione e nella comprensione di parole, nel riconoscimento dei volti, delle cose, delle situazioni, della realtà; la predominanza del verbale o non verbale (e nel nostro caso delle gutturali che dominano sulle articolazioni mature della lingua) riflette l’accentuazione dell’atrofia cerebrale. Alla distruzione del linguaggio si accompagna quella della personalità e a seguire la dimensione sociale dell’individuo. L’aggressività, la violenza, l’odio sociale verso un fantasma immaginario e minaccioso è uno dei morfemi dello stato paranoico di un poveretto che ha smesso di desiderare in maniera sana e consapevole e ha cominciato a odiare.

#estinguetevi

Annunci

Autore: Giancarlo Buonofiglio

Manipolatore di paradossi sito web http://giancarlobuonofiglio.weebly.com/

10 pensieri riguardo “RAZZISMO E FRENASTENIA”

  1. Pensavo di avessero rinchiuso in qualche lagher rieducativo padano…bentornato tra noi poracci!😂 Tra le cose che hai dimenticato di citare, forse un po’ in disuso adesso è castrazione chimica! Ovviamente riservata all’uomo nero perché se son bianchi e di buona famiglia si sa…son ragazzate ma son così bravi ragazzi!
    Altra cosa che sarebbe simpatica se non fosse per l’assurdo in cui chi troviamo è la realtà che supera ogni fantasia tanto che pure Lercio è in agonia! Butta i vestiti di un senzatetto facendosi il bello…e sbaglia nel fare la differenziata prendendo multa! Fa il bullo e la solita tiritera sul nero brutto sporco e cattivo da mandar via e viene fuori che è stato lui la vittima e gli aggrediti di son inventato tutto! Non salveremo mai le banche e salvano una banca! Esprime solidarietà contro le bestie di sinistra che avrebbero picchiato un politico e viene fuori un video che smentisce tutto!Va a dar la mano all’ultrà e viene fuori che è una specie di pericolo pubblico! Una cantonata dietro l’altra!Ma lui va avanti, imperterrito col popolo somaro che lo spinge avanti nei sondaggi! La domanda è: ma io che cazzo ho fatto di male per meritare tutto ciò?

    Piace a 1 persona

    1. Ben trovato, Satanello. Ogni tanto mi lasciano uscire dal lager; per la rieducazione non so però se funzioni, a me certe cose continuano a fare schifo. E mi fa schifo questa Italia incarognita e la sua gente. Sono però in buona compagnia: meglio un Demonio con la tua sensibilità, che un popolo di finti santi che lascia la gente morire in mare

      Mi piace

  2. Lo sconforto quando sento in TV parlare un razzista, di solito in giacca e cravatta e con cariche istituzionali che ci dovrebbero rappresentare, è niente quando poi penso al pubblico a cui si sta riferendo. Purtroppo nel mondo “reale” vivo immerso in persone che si vantano di non essere razziste ma poi ‘sti zozzi romeni glie dovrebbero da’ foco! E lo dicono senza arrossire per l’evidente contrasto. Sono quelli a cui sono rivolti i fiumi di spot che da decenni invadono le TV, con i bambini malati in Africa: oh, ma in questi 40 anni saranno cresciuti quei bambini? No, non crescono mai: perché un bambino nero è carino e va salvato, un adulto nero è un criminale e va sterminato. Questa è la grande cultura italiana, e si può cambiare e/o aggiungere “nero” con qualsiasi altra etnia, non necessariamente straniera. (Perché non serve mica arrivare in Africa, per odiare: a quello stronzo del mio vicino una passata di mitra gliela darei!)
    E tutto questo odio che pervade l’Italia si riflette nell’italiano, come giustamente fai notare: com’è che ad ogni livello culturale regna l’itanglese… tranne che nel razzismo? Ancora devo sentire un insulto razziale in inglese, che l’ignorante e volgare odio razziale sia così dentro i nostri cuori che non abbiamo bisogno di altre lingue per esprimerlo?

    Piace a 1 persona

    1. Ciao, Lucius. Felice di sentirti. Pasolini diceva che il razzismo è lotta di classe (e gli italiani – al solito – si mettono dalla parte sbagliata). Questo popolo di mendicanti culturali, di ipodotati senza volontà non impara mai, si ammala e assume il veleno piuttosto che le medicine. Dal partito di plastica a quello dei razzisti, c’è una stupidità endemica in questo Paese. I conti qualcuno dovrà pagarli: gli ultimi, sempre e solo quelli. E noi con loro

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...