ER POPOLO SCENNE IN PIAZZA

ER POPOLO SCENNE ‘N PIAZZA
Er popolo sulle barricate m’arricorda mi madre quanno s’accapricciava cor marito, scenneva dall’amiche sue e se sfogava. Poi quanno era ora de magnare, tornava a casa e l’aspettava, pure cor sorriso, e lo serviva er padre mio. Pure mejo, gli allisciava er pelo. Perché era mi padre che commannava e mi madre ce lo sapeva. Jelo lassava fa’, abbasta che er piatto c’era e lui aveva da magnà.

ER RIVOLUZIONARIO /2

Dice che arrivano l’ommini novi. Quelli che so’ onesti, preparati e boni. Er novo che avanza, quello che ve dà er reddito de cittadinanza. I sordi per intenderci, che si capisce mejo. E poi è gente bona, che piagne quanno te bastona, te banna per nun farte parlà, però se danna. Lo fa cor core in mano. Nun so’ fascisti, so’ artruisti. E se provi a di’ la tua, che deve fa’ porella, te legna: se nun t’adegui è libertà sua. Ne ho viste troppe de ‘ste rivoluzioni fatte da mascarzoni. Ma dev’esse un vizio nostrano: te metti ‘na casacca, scenni in piazza a protestà, prima o poi quello che comanna s’arricorda e te dà er posticino, da magnà.

ER RIVOLUZIONARIO

Arrivano quelli che nun ce fanno pagà le tasse, ce danno e sordi, ce torgono l’imu, ‘nsomma ce riempiono la panza, lo chiamano reddito de cittandinanza. E poi vengono dar popolo, ce da fidarse. Non come i mascarzoni de lo stato che finora hanno arrubbato. Questi no, so’ boni, bastonano ma a fin de bene, so’ onesti e c’hanno fretta de ridarce la liretta. De strappà l’Italia a quer poco de decoro pe’ metterla ‘n mano all’amici loro. Ma se sa la Merkel è cattiva, te dice che c’hai pure de’ doveri e te li fa pagà. E c’hanno ragione: noi semo un popolo de panza e de malacreanza, in Europa che ce stamo a fa?

ME SO’ ROTTO ER CAZZO

ME SO’ ROTTO ER CAZZO

Me so’ rotto er cazzo de sentire che è corpa de la disoccupazione, de la miseria e de la panza vuota se la gente se pija un fascio e se lo vota. Come ai tempi de la Weimar antica, cor baffetto antisemita. Me so’ rotto er cazzo de trovà una ragione ar popolo quanno se comporta da cojone. ‘Na vorta quanno la gente nun magnava, pijava er treno da sudde a norde con la valigia de cartone, e invece di scennere in piazza a mendicà er padrone andava in fabbrica, a lavà i piatti, a fare er muratore. Ma era gente con onore. Mi padre piuttosto che chiedere ‘na lira allo stato senza averce lavorato, se tajava un cojone. La palla destra, se nun m’arricordo male. Ma questi no, je frega un cazzo de puntà er dito su questo o quel partito, vojono er reddito garantito (e ce credono pure). Quanno la democrazia se fa demagogia, e la politica parole, er popolo prima la segue ma poi ce more. E me so rotto er cazzo pure de sentir dolore per questa gente che se la cerca e se la vole.

LA LAPIDE DE L’OPERAIO

LA LAPIDE DE L’OPERAIO
Se sto qua sotto è corpa dell’articolo diciotto e di quell’infamane che me l’ha levato pe risparmià du pagnotte. Che poi nun je mancano li sordi, che ce fa, ce va a mignotte? E forse nun è manco questo, è solo ‘na questione de potere, pe’ potesse sentì più forte. Come a di’ commanno io, fino alla morte