RIGURGITI ROMANESCHI

LA COSA DE LE COSE
Che vita me tocca fa, a padrona mia sta sempre a faticà. Me venne pe’ un pezzo de pane come fossi ‘na cosa come n’artra, dicenno venghino signori, compratevi l’ammore a du sordoni. Che poi l’ommini so strani, ce lo so bene io che n’ho visti tanti. C’è quello ‘mbranato, che me cerca pe’ fa’ un poco d’esperienza. Ce sta er marvagio, che viene pe’ falla pagà a quarcun’artra. Quanno me va bene arriva quello timido e ‘mpacciato, che me prende delicato quasi a scusarse d’avemmi importunato. Ce sta quello con la moje imbastardita che je la fa pregà, manco c’avesse solo lei. Pecché l’ommini se stancano e allora vengono a ceccalla qua. Er pervertito nun manca mai, pe’ intendersi è quello nun fa all’amore, che s’accontenta de guardà. Ma più di tutti me spaventa l’esartato, che non so mai come va a finire. L’altra notte, pe’ esempio stavo là, tutta intorcinata cor cliente e mentre lo facevo a stuzzicà, sperando che se sbrigasse a fa’ er comodo suo, me dice “fijola, te vojo confessà”. Era er curato der paese. ‘Sto fijo d’una mignotta nun s’accontentavà de stropiccià, voleva pure famme sentì in corpa. Lo dicevo io che l’ommini so strani. E così je faccio, guardannolo ner viso, torna a casa tua, che qua c’è er paradiso.

RIGURGITI ROMANESCHI

L’OMMO ‘NNAMORATO
Me so ‘namorato de na donna che quanno s’arza e me bacia nun me fa sentì le labbra sue ma quelle de tutte le donne messe ‘nsieme. Me guarda con quell’occhi di mandorla e ciliegio e mi fa sentì desiderato, come se nun avesse mai fatto l’amore. Io dico che so n’omo fortunato d’avella ‘ncontrata, perché con un bacio me cambia la giornata. E quanno che fuori piove speciarmente, mentre la pioggia cade all’infinito, che me fa sentì davero rincojonito

RIGURGITI ROMANESCHI

LA MEJO DONNA
La mia donna c’ha ‘na virtù rara, che quanno te fa un sorriso te porta ‘n paradiso. E poi pure esse depresso e pensare alli mejo mortacci tua, poi l’abbracci e te pare de volà ar cielo. E nun importa se non ci trovi li santi, la madonna o er principale suo, pecché n’ommo ‘nnamorato po pure farne a meno: a che je serve l’onnipotente quanno sta bene e un je manca gniente?

RIGURGITI ROMANESCHI

L’OMMO ‘NNAMORATO
Me so ‘namorato de na donna che quanno s’arza e me bacia nun me fa sentì le labbra sue ma quelle de tutte le donne messe ‘nsieme. Me guarda con quell’occhi di mandorla e ciliegio e mi fa sentì desiderato, come se nun avesse mai fatto l’amore. Io dico che so n’omo fortunato d’avella ‘ncontrata, perché con un bacio me cambia la giornata. E quanno che fuori piove speciarmente, mentre la pioggia cade all’infinito, che me fa sentì davero rincojonito

RIGURGITI ROMANESCHI

LA BELLEZZA DE LE DONNE
‘Na donna è bella quanno ride ma pure quanno piagne, è bella quando s’arrabbia, quanno c’ha le cose sue, quanno nun te rivorge la parola o te bacia, in compagnia o da sola, quanno se dà e pure quando se ritrae. E quant’è bella appena arzata, e specie quanno è senza trucco je poi leggere sur viso il bene che te vole. E’ bella ‘na donna quanno te guarda. Te dà emozioni, attenzioni. Quarche vorta preoccupazioni. Ma è bella pure quanno te rompe li cojoni.