ER COSO DE LI COSI

ER COSO DE LI COSI

Er coso è quell’attrezzo che poi pure non avello e ce poi vivere lo stesso. E forse a ben guardà ce vivi pure mejo. Fa perde la ragione all’ommini e le donne ce lassano er decoro. Quanno cominciano i problemi e quannn’è che te se comprica la vita, quanno er coso vole uscì pe’ cercà l’errica. E allora capisci ch’è finita, che nun hai pace pure se te piace, pecché non è una bona amica, er coso te fa vivere a fatica. Alla fine te rassegni, ce pensi, ce ripensi e poi te dici che va bene, che la vita in fonno c’ha le sue pene. E je voj quasi bene, specie se nun s’arza a fa’ l’inchino. Si chiama vecchiezza quanno ‘na mano lo pija e l’accarezza e quello nun si move e nun l’apprezza. Ma pure er coso c’ha i pensieri sui. Poi sempre circondarti dell’amici, che te fanno armeno sentire meno solo, a vorte raffinati artre villanzoni, ma lui per compagnia che c’ha, du’ cojoni?

Dai RIGURGITI ROMANESCHI (e ‘sti cazzi non ce lo metti?)

L’OMO ‘NNAMORATO

l'OMMO NNAMORATU

dai RIGURGITI ROMANESCHI

NOCCIOLINA

Certe case non hanno amore. Te ne accorgi quando se ne va uno di questi. Rimane il niente, e una casa sempre più vuota. Quello che c’era stava in quegli occhi. Erano qualcosa in tutta quell’assenza. Addio piccolina

ADDIO PICCOLINA

nocciola
ER CANE MIO
Er cane mio, me guarda, s’avvicina, scondinzola, sgomitola, sbriciola e poi me fa bau, che è l’acronimo de bacio adesso uomo. E fa tenerezza a sentirlo mentre m’accarezza. Poi se mette tra le gambe e me fa capì che so’ l’omo suo; nun è diverso da una donna che vo’ fa’ l’amore. Me fa l’occhi dolci, se struscia, me pija la gamba, l’abbraccia e fatto er comodo suo s’accovaccia. Me fa sentì desiderato più che amato. E’ bello vedello ‘nnamorato er cane mio. E nullo so com’è stato, ma so’ fortunato d’avello ‘ncontrato. Mo dorme, ogni tanto apre l’occhi e pare che nun ha più voje. Me guarda però, come er marito co’ la moje.

FIORISCONO LE ROSE

A spasso con Dino Campana

da CRONACHE DELL’EPIGASTRIO

  • ASIN: B011MQND9U

ER COSO DE LI COSI

ER COSO DE LI COSI

Er coso è quell’attrezzo che poi pure non avello e ce poi vivere lo stesso. E forse a ben guardà ce vivi pure mejo. Fa perde la ragione all’ommini e le donne ce lassano er decoro. Quanno cominciano i problemi e quannn’è che te se comprica la vita, quanno er coso vole uscì pe’ cercà l’errica. E allora capisci ch’è finita, che nun hai pace pure se te piace, pecché non è una bona amica, er coso te fa vivere a fatica. Alla fine te rassegni, ce pensi, ce ripensi e poi te dici che va bene, che la vita in fonno c’ha le sue pene. E je voj quasi bene, specie se nun s’arza a fa’ l’inchino. Si chiama vecchiezza quanno ‘na mano lo pija e l’accarezza e quello nun si move e nun l’apprezza. Ma pure er coso c’ha i pensieri sui. Poi sempre circondarti dell’amici, che te fanno armeno sentire meno solo, a vorte raffinati artre villanzoni, ma lui per compagnia che c’ha, du’ cojoni?

copertina

    su AMAZON libri Kindle

  • ASIN: B0125LTI8Q