RIGURGITI ROMANESCHI

ER PRINCIPE DER FORO
Me chiamano così le malelingue nun perché c’ho la parlantina sciorta come n’avvocato, che io non so dottore in legge e m’occupo di cose materiali, ma perché me piacciono l’ommini e ce lo sanno nel rione, tanto che i più me danno del ricchione. Quarcuno addirittura nella via me grida pijanculo, e nun è bello quanno lo sente mammamia. Altri so più furbi e scartri, c’è chi me fa l’occhietto, chi me dà er braccio ridenno: “permette signorina”, o quell’artri ancora che fanno l’amiconi, che poi quando me giro se grattano i cojoni. Er monno è cattivo e lo sapemo, e all’ommini je piace puntà er dito, ma noiartri che corpa avemo, d’essere nati con ‘sto prurito?

Annunci

RIGURGITI ROMANESCHI

LA COSA DE LE COSE
Che vita me tocca fa, a padrona mia sta sempre a faticà. Me venne pe’ un pezzo de pane come fossi ‘na cosa come n’artra, dicenno venghino signori, compratevi l’ammore a du sordoni. Che poi l’ommini so strani, ce lo so bene io che n’ho visti tanti. C’è quello ‘mbranato, che me cerca pe’ fa’ un poco d’esperienza. Ce sta er marvagio, che viene pe’ falla pagà a quarcun’artra. Quanno me va bene arriva quello timido e ‘mpacciato, che me prende delicato quasi a scusarse d’avemmi importunato. Ce sta quello con la moje imbastardita che je la fa pregà, manco c’avesse solo lei. Pecché l’ommini se stancano e allora vengono a ceccalla qua. Er pervertito nun manca mai, pe’ intendersi è quello nun fa all’amore, che s’accontenta de guardà. Ma più di tutti me spaventa l’esartato, che non so mai come va a finire. L’altra notte, pe’ esempio stavo là, tutta intorcinata cor cliente e mentre lo facevo a stuzzicà, sperando che se sbrigasse a fa’ er comodo suo, me dice “fijola, te vojo confessà”. Era er curato der paese. ‘Sto fijo d’una mignotta nun s’accontentavà de stropiccià, voleva pure famme sentì in corpa. Lo dicevo io che l’ommini so strani. E così je faccio, guardannolo ner viso, torna a casa tua, che qua c’è er paradiso.

RIGURGITI ROMANESCHI

ER COSO DE LI COSI
Er coso è quell’attrezzo che poi pure non avello e ce poi vivere lo stesso. E forse a ben guardà ce vivi pure mejo. Fa perde la ragione all’ommini e le donne ce lassano er decoro. Quanno cominciano i problemi e quannn’è che te se comprica la vita, quanno er coso vole uscì pe’ cercà l’errica. E allora capisci ch’è finita, che nun hai pace pure se te piace, pecché non è una bona amica, er coso te fa vivere a fatica. Alla fine te rassegni, ce pensi, ce ripensi e poi te dici che va bene, che la vita in fonno c’ha le sue pene. E je voj quasi bene, specie se nun s’arza a fa’ l’inchino. Ma pure er coso c’ha i pensieri sui. Poi sempre circondarti dell’amici, che te fanno armeno sentire meno solo, a vorte raffinati artre villanzoni, ma lui per compagnia che c’ha, du’ cojoni?